News Destra (4)

Dal 4 al 16 febbraio 2016, in Palazzo Medici Riccardi (Sala Nicola Pistelli), la Russian Academy of Art presenterà un' ampia antologia di opere visive realizzate da giovani artisti giunti da ogni parte del mondo e formatisi nella sua sede fiorentina sotto la guida di insegnanti esperti provenienti dalle più prestigiose accademie russe.
Ben cinquanta lavori, tra dipinti e disegni, di medio e grande formato: ritratti, paesaggi, nudi, nature morte e soggetti sacri, espressione di una figuratività classica ispirata ai solidi principi e alla lezione dei grandi maestri del Rinascimento, secondo una visione resa popolare da artisti del calibro di Repin, Surikov, Levitan, Vasnetsov, Kuindzhi, esponenti di un "metodo" in uso ancora oggi nelle scuole d'arte russe.
Grazie alla mostra di Palazzo Medici Riccardi questa forma di sguardo fa idealmente ritorno là dove trasse la sua originaria fonte d'ispirazione. L' evento e` patrocinato da Città Metropolitana di Firenze, Regione Toscana, Comune di Firenze e dal Consolato Onorario della Federazione Russa.
Dopo il successo dell'edizione di Dicembre, la mostra farà il bis in Febbraio con nuovi lavori in dialogo con le opere di Stephen Ryan, artista - fotografo formatosi nel Dipartimento di Design fondato dal noto architetto del Bauhaus Mies van der Rohe presso l'Illinois Institute of Technology. Stephen Ryan è anche visiting professor presso la Russian Academy of Art.
Interverranno all'inaugurazione, oltre agli autori, Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale, Girolamo Guicciardini Strozzi, Console Onorario della Federazione Russa per Firenze e la Toscana, Andrej A. Tarkovskij assieme ad altre personalità del mondo della politica e della cultura.

21 gennaio 2016

Gli Stati Uniti avviano oggi l’attuazione delle modifiche previste nella legge denominata Visa Waiver Program Improvement and Terrorist Travel Prevention Act of 2015. La U.S. Customs and Border Protection (CBP) accoglie più di un milione di passeggeri che arrivano ogni giorno negli Stati Uniti e si impegna a facilitare i viaggi legittimi mantenedo nel contempo elevati standard di sicurezza e protezione dei confini.  Ai sensi di questa legge, i viaggiatori appartenenti alle seguenti categorie non saranno più idonei a viaggiare e ad essere ammessi negli Stati Uniti nell’ambito del Visa Waiver Program (VWP):

  • cittadini di paesi VWP che hanno effettuato viaggi, o risultano essere stati, in Iran, Iraq, Sudan o Siria a partire dal 1 marzo 2011 (fatte salve limitate eccezioni per viaggi diplomatici o per scopi militari in servizio di un paese VWP);
  • cittadini di paesi VWP in possesso di doppia cittadinanza iraniana, irachena, sudanese o siriana.

Questi soggetti potranno comunque richiedere un Visto seguendo la regolare procedura di richiesta presso le ambasciate o consolati. Nel caso tali individui abbiano bisogno di un Visto per gli Stati Uniti in situazioni di emergenza (per motivi di lavoro, salute o umanitari), le ambasciate e i consolati degli Stati Uniti offrono la disponibilità ad applicare una procedura accelerata.

A partire dal 21 gennaio 2016, verrà revocata l’autorizzazione elettronica al viaggio “Electronic System for Travel Authorization” (ESTA) a tutti quei viaggiatori che sono attualmente in possesso di un’autorizzazione valida e che hanno precedentemente indicato di possedere una doppia cittadinanza con uno dei quattro paesi sopra menzionati.

Ai sensi della nuova legge, il Secretary of Homeland Security si riserva il diritto di concedere una deroga a queste restrizioni qualora ritenga che tale deroga risponda all’interesse del law enforcement o della sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La concessione di tale deroga avverrà caso per caso. In linea generale, le categorie di viaggiatori che potrebbero beneficiare di una deroga sono:

  • soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria in veste ufficiale per conto di un’organizzazione internazionale o regionale, o di un governo sub-nazionale;
  • soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria in veste ufficiale per conto di una ONG umanitaria;
  • soggetti che si sono recati in Iran, Iraq, Sudan o Siria nel ruolo di giornalista per fini professionali;
  • soggetti che si sono recati in Iran per legittimi motivi di lavoro dopo la conclusione del Joint Comprehensive Plan of Action (14 luglio 2015);
  • soggetti che si sono recati in Iraq per legittimi motivi di lavoro.

Si ribadisce che la deroga per i richiedenti ESTA sarà valutata caso per caso, compatibilmente con i termini di legge. Inoltre, continueremo a valutare se e come applicare deroghe per cittadini in possesso di doppia cittadinanza irachena, iraniana, siriana e sudanese.

I viaggiatori che hanno ricevuto avviso della revoca dell’autorizzazione ESTA e che non possono perciò viaggiare verso gli Stati Uniti nell’ambito del VWP, possono comunque viaggiare con un Visto non-immigrante valido, rilasciato da un’ambasciata o un consolato degli Stati Uniti. Prima di recarsi negli Stati Uniti, questi viaggiatori dovranno presentarsi presso un’ambasciata o un consolato degli Stati Uniti e sostenere un’intervista per il rilascio del Visto sul proprio passaporto.

La nuova legge non vieta i viaggi o l’ingresso negli Stati Uniti e la grande maggioranza dei viaggiatori che rientrano nel VWP non sarà interessata da questa normativa.

A fine febbraio 2016 si prevede la pubblicazione di una versione aggiornata della richiesta ESTA contenente quesiti in relazione alle eccezioni per viaggi diplomatici e militari, ai sensi della legge.

Per informazioni sulle richieste di visto visitate i siti:http://italian.italy.usembassy.gov/visti.html o http://travel.state.gov

Prima di organizzare un viaggio, i soggetti attualmente in possesso di autorizzazione ESTA sono invitati a controllarne lo status sul sito CBP:https://esta.cbp.dhs.gov

Domenica, 24 Gennaio 2016 00:00

Celebrazioni del Giorno dell'Unità Nazionale

Scritto da

Il 5 novembre presso la Sala Giorgio Nugnes del Consiglio Comunale di Napoli la comunità russofona ha festeggiato la Gioranta dell’Unità Nazionale - detta anche “Giorno della Riconciliazione e dell’ Unione  dei popoli russi ”. L’incontro è stato organizzato  dal Consolato Onorario della Federazione Russia in Napoli, con la partecipazione delle Associazioni "Russkoe pole", "Parus", “Bielarus", "Slavyane". L’ospite d’onore è stata il Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli  la Dott.ssa Amarylis Guitierrez Graffe.

In occasione di Festa di 4 novembre i bambini della scuola presso la Chiesa Ortodossa Russa di Andrey Pervozvanniy hanno preparato dei bellissimi disegni sul tema “L’Unione dei popoli”. I disegni

sono state valutate da una commissione, e il Console Onorario della Federazione Russa in Napoli Dott.Vincenzo Schiavo ha premiati tutti i bambini partecipanti.

Dopodichè si è svolto il piccolo concerto preparato dagli stessi cittadini russi con le canzoni sul tema dell’amicizia fra popoli, diverse poesie in lingua russa, tartara e bielorussa. Il coro dell’Associazione “Belarus” ha goduto il grande applauso del pubblico.

Il Consolato Onorario della Federazione Russa in Napoli ringrazia tutti coloro che hanno  partecipato al concerto e tutti i cittadini che sono venuti a festeggiare insieme il Giorno dell’Unità nazionale.

Ricordiamo che la giornata dedicata all’Unione dei Popoli è diventata  Festa Nazionale in ricordo degli eventi del 4 novembre 1612, anno in cui i soldati dell’esercito popolare russo, guidati da Kuzma Minin e Dmitry Pozharsk, liberarono Mosca dagli invasori polacchi, dimostrando eroismo e solidarietà indistintamente, a prescindere da quale fosse il credo, la cultura e il ceto sociale di questi giovani uomini.

Secondo l'ultimo censimento della popolazione della Federazione russa, svolto nel 2010, sul territorio della Federazione Russa sono presenti ben 195 nazionalità .

 

Martedì, 28 Luglio 2015 00:00

Servizi consolari tedeschi

Scritto da

Anche se siamo in Europa, quindi in un contesto in cui non è frequente incontrare grossi problemi burocratici, avvalersi dei servizi consolari può essere comunque utile. Sia che siate ancora in Italia e stiate organizzando il vostro trasferimento in Germania, sia che siate già sul suolo tedesco, i servizi consolari possono aiutarvi nello sbrigare alcune pratiche burocratiche importanti. Tra i servizi di cui potreste avere bisogno vi sono le varie autocertificazioni, atti notarili, stati civili, rilascio passaporti, pratiche per l'assistenza sanitaria o pensionistica e molto altro. Consolati e Ambasciate sono sicuramente i punti di riferimento più accreditati e attendibili per sapere cosa fare e come farlo. Per ottenere questi servizi e per sapere quali sono è sufficiente rivolgersi a questi uffici.

I principali consolati tedeschi in Italia sono:

CONSOLATO GENERALE DI MILANO
Via Solferino, 40 20121 Milano
tel: 02-623.1101
fax: 02-655.4213

L'Ambasciata invece si trova al seguente indirizzo:
AMBASCIATA DI ROMA
Via San Martino della Battaglia, 4 00185 Roma
tel: 06-492131
fax: 06-49213.320

Se invece vi trovate già in Germania questi sono alcuni degli indirizzi a cui rivolgervi:

AMBASCIATA ITALIANA A BERLINO
Hiroshimstrasse 1 10785 Berlino
tel: +49 30254400
fax: +49 3025440169

CONSOLATO ITALIANO A FRANCOFORTE
Kettenhofweg, 1 60325 Francoforte
tel: +49 6975310
fax: +49 697531104

CONSOLATO ITALIANO A MONACO
Mohlstrasse 3 81675 Monaco di Baviera
tel: +49 894180030
fax: +49 89477999

Vi è anche un UFFICIO CONSOLARE a Norimberga
Gleissbuhlstrasse 10 90402 Norimberga
tel: +49 911205360
fax: +49 9112053623


Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.