Giovedì, 25 Febbraio 2016 17:18

Evo ha perso il referendum. Buon per lui e per la Bolivia

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ha vinto il “No” al referendum con cui il presidente della Bolivia Evo Morales chiedeva di modificare la costituzione al fine di potersi ripresentare nel 2019, insieme al suo vicepresidente Álvaro

García Linera, per un quarto mandato consecutivo.

Non c’è la proclamazione ufficiale perché si dovranno rifare le elezioni in alcuni seggi il 6 marzo, ma il risultato non è ribaltabile. La vittoria generale è di misura (poco oltre il 51%), ma il No ha dominato in 6 regioni su 9, quelle a est, sud e nord; il Sí ha prevalso solo nell’altopiano centro-occidentale.


È la prima sconfitta elettorale per Morales dal 2006 ed è più che lecito ritenere che l’opposizione a un suo quarto mandato si sia diffusa anche tra il suo elettorato tradizionale.


Le cause di questo risultato non sono solo la parziale frenata economica in un contesto internazionale difficile o i molti casi di corruzione di dirigenti del Movimento al Socialismo (Mas). Né lo scandalo di presunti favori del presidente a un’ex compagna, Gabriela Zapata, manager in un’impresa cinese con grossi appalti statali, che pure ha intaccato la sua immagine di politico incorruttibile.


Ribaltando le aspettative dei governanti, la maggioranza dei boliviani ha detto No a un male endemico latinoamericano, il caudillismo, cioè la trasformazione di un leader rivoluzionario in duce e di un movimento di liberazione popolare in totalitarismo. Una degenerazione che blocca sempre il progresso dei popoli.


In democrazia non ci sono dittatori, ma rappresentanti con delega. Nessuno è insostituibile. Il bene collettivo deve sempre prevalere su quello individuale. I leader devono formare nuovi leader per il futuro. Non aumenta l’inclusione sociale un partito che si arrocca e si fossilizza, chiudendo gli occhi sulle malversazioni della nomenklatura. Il 22 gennaio 2020, Evo dovrà cedere il potere ad altri, che potrebbero essere della sua stessa formazione politica, il Mas. Gli restano 4 anni per portare avanti la sua agenda di riforme, con l’appoggio di un parlamento dove gode di un’ampia maggioranza.


Morales è stato un buon presidente, sicuramente tra i migliori dell’ondata di sinistra latinoamericana all’inizio del XXI secolo. Ha ottenuto risultati brillanti e con lui la Bolivia ha vissuto cambiamenti sociali straordinari. La maggioranza indigena della popolazione è finalmente diventata protagonista, con l’economia in energica crescita e la povertà e l’analfabetismo in netto calo.


Ora dovrà lavorare a una successione che non sia la mera nomina di un delfino (come l’attuale ministro degli Esteri, David Choquehuanca), ma uno stimolo all’evoluzione, con nuove forze e idee, di un movimento cui trasferire il suo carisma personale. Anche per non dare l’impressione di presentare un candidato di seconda scelta.


Evo dovrà contrastare i 3 principali pericoli impliciti nei regimi che si sclerotizzano al potere: la corruzione a ogni livello, il bavaglio ai mezzi di comunicazione, la demonizzazione degli avversari.


Oggi in Bolivia la capacità di ascolto e dialogo è piuttosto bassa. Chi la pensa diversamente viene bollato subito come rigurgito della vecchia destra, rancoroso o venduto agli Usa, l’impero con la sua “guerra sporca”. In un paese fortemente polarizzato, non è questa la strada da percorrere. Il governo controlla la grande maggioranza delle testate giornalistiche e radiotelevisive, direttamente o attraverso imprenditori amici e pubblicità. I media indipendenti non sono molti: il No si è imposto trasversalmente grazie soprattutto a Internet e alle reti sociali. Istituire controlli severi sulla gestione pubblica, mediare con la variegata opposizione, garantire la libertà d’espressione e l’indipendenza della magistratura: questo ci si aspetta da un buon presidente.


Morales, paradossalmente, potrebbe trarre grandi vantaggi da questa sconfitta. I suoi concittadini gli hanno impedito di fare l’errore di perpetuarsi peggiorando se stesso e la conduzione dello Stato. Non hanno respinto tanto la sua politica, quanto la sua presunzione di essere imprescindibile.


Ora, senza altre tentazioni autoritarie, può terminare di guadagnarsi la stima dei boliviani, affrontando in tempo la crisi in agguato e riportando l’azione governativa a modalità pienamente democratiche. Così verrà ricordato come il primo grande e giusto presidente indigeno della Bolivia.

Letto 369 volte

3 commenti

  • Link al commento CarolyndubNP Domenica, 06 Agosto 2017 02:58 inviato da CarolyndubNP

    Absolutely NEW update of SEO/SMM package "XRumer 16.0 + XEvil 3.0":
    captchas solving of Google, Facebook, Bing, Hotmail, SolveMedia, Yandex,
    and more than 8400 another size-types of captcha,
    with highest precision (80..100%) and highest speed (100 img per second).
    You can connect XEvil 3.0 to all most popular SEO/SMM software: XRumer, GSA SER, ZennoPoster, Srapebox, Senuke, and more than 100 of other programms.

    Interested? You can find a lot of impessive videos about XEvil in YouTube.
    You read it - then IT WORKS!
    See you later ;)


    XRumer201708

  • Link al commento CarolyndubNP Sabato, 05 Agosto 2017 21:26 inviato da CarolyndubNP

    Absolutely NEW update of SEO/SMM software "XRumer 16.0 + XEvil":
    captcha solution of Google, Facebook, Bing, Hotmail, SolveMedia, Yandex,
    and more than 8400 another subtypes of captcha,
    with highest precision (80..100%) and highest speed (100 img per second).
    You can connect XEvil 3.0 to all most popular SEO/SMM programms: XRumer, GSA SER, ZennoPoster, Srapebox, Senuke, and more than 100 of other programms.

    Interested? You can find a lot of demo videos about XEvil in YouTube.
    You read it - then IT WORKS!
    See you later ;)


    XRumer201708

  • Link al commento CarolyndubNP Sabato, 05 Agosto 2017 10:45 inviato da CarolyndubNP

    Absolutely NEW update of SEO/SMM software "XRumer 16.0 + XEvil":
    captchas solving of Google, Facebook, Bing, Hotmail, SolveMedia, Yandex,
    and more than 8400 another categories of captcha,
    with highest precision (80..100%) and highest speed (100 img per second).
    You can connect XEvil 3.0 to all most popular SEO/SMM software: XRumer, GSA SER, ZennoPoster, Srapebox, Senuke, and more than 100 of other programms.

    Interested? You can find a lot of impessive videos about XEvil in YouTube.
    You read it - then IT WORKS!
    Good luck!


    XRumer201708

Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.