Mercoledì, 24 Febbraio 2016 17:24

<div>Fifa: "no a Salman", appello Medici senza frontiere</div>

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

(ANSAmed) - ROMA, 25 FEB - La Fifa non elegga Salman Bin Ibrahim Al Khalifa come suo nuovo presidente perchè, "in quanto membro della famiglia reale del Bahrein,rappresenta un regime che

senza pietà reprime da anni jornalisti e blogger critici". A dirlo, alla vigilia del voto di domani a Zurigo per la massima carica del calcio internazionale, è Medici senza frontiere (MSF).

"La candidatura di Salman - aggiunge la sezione tedesca dell'organizzazione in una nota - è un evidente tentativo del Bahrein di sfruttare sport di classe mondiale per coltivare la propria immagine internazionale e al tempo stesso reprimere i critici nel proprio Paese". Fin dalle rivolte del febbraio 2011 il governo del Bahrein - ricorda la nota in merito al piccolo regno del Golfo a maggioranza sciita, guidato da una monarchia sunnita - "reprime senza sosta gli operatori dell'informazione", con processi intentati su "dubbie accuse" o per aver scritto di scandali o proteste. In particolare Salman, nel suo ruolo di presidente dell'Associazione calcio nazionale, nel 2011 avrebbe guidato un comitato che identificava gli atleti che partecipavano alle proteste, molti dei quali hanno subito arresti e maltrattamenti.

Ad oggi, rileva ancora Medici senza frontiere, vi sono almeno nove giornalisti e cinque blogger in carcere per il loro lavoro. Solo qualche giorno fa, il 14 febbraio, la giornalista Usa Anna Therese Day è stata arrestata con tre collaboratori mentre copriva una manifestazione nell'anniversario della rivolta del 2011. Per la successione del presidente squalificato Sepp Blatter corrono cinque candidati: oltre a Salman, l'italo-svizzero Gianni Infantino, il principe Ali di Giordania, il francese Jerome Champagne e il sud-africano Tokyo Sexwale. (ANSAmed).

Letto 162 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.