Martedì, 23 Febbraio 2016 07:04

<div>L'Italia per un'Europa multipolare</div>

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mai come adesso c' bisogno di Europa. Di un'Europa che sappia superare gli steccati particolaristici dei singoli stati e riesca a mettere in campo una politica europea efficace, in grado di risolvere
i grandi problemi internazionali che ci assillano.

Per mai come adesso l'Europa fragile e sembra essere sul punto di implodere. C' bisogno di un nuovo impulso per l'Europa per perfezionare quei processi di integrazione europea che aiutino ad uscire dalla crisi e a promuovere una nuova fase.

Italia, garante dei valori europei
Ed una grande cosa che lItalia, la nazione, che stata la culla dellEuropa odierna, non resti in disparte, come successo troppo a lungo nel recente passato, ma che al contrario, proprio in questa situazione complicata, si muova come una nazione di respiro internazionale, garante dei grandi valori europei. E al tempo stesso anche come una nazione moderna, sicura di s, che stimola lEuropa a compiere i cambiamenti necessari.

Questo possibile perch lItalia, a soli due anni dall'insediamento del nostro Governo, si presenta oggi come una nazione che si sta rinnovando profondamente. Una nazione in grado di compiere grandi riforme che rendono il paese pi solido, pi forte e per questo pi rispettato anche sul piano europeo.

Lo stato attuale dell'Unione Europea, Ue, fa vedere quanto ci sia bisogno di un cambio di passo. Il fatto che per anni, a Bruxelles, tutto sia ruotato intorno all'asse franco-tedesco non ha giovato all'Europa. C' bisogno di un'Europa forte, multipolare.

LItalia, da due anni a questa parte, si sta muovendo con un'energica azione di impulso, a tratti anche scuotendo l'Uea, pur di mettere in discussione automatismi che sembravano diventati irremovibili. E questo non solo e non tanto per s, quanto piuttosto per la stessa Europa.

Oltre allausterit
notevole, ad esempio, che l'Italia sia riuscita a scardinare quello che per anni a Bruxelles stato un dogma delle politiche economiche: il principio della stabilit basata esclusivamente sull'austerit. Grazie all'insistenza dell'Italia oggi finalmente l'Europa inizia a rendersi conto che quello della crescita non un problema soltanto italiano. Il persistere di una insufficiente crescita un problema europeo.

L'Intera Europa ha bisogno di un rilancio, prima di tutto economico. Il tema non tanto l'austerit, quanto piuttosto se siamo in grado di prevedere un grande piano di investimenti che ci consenta di creare occupazione e di fare ripartire l'economia. Perch solo attraverso la crescita saremo in grado di garantire stabilit.

Ecco che l'Italia ha ragione a continuare ad insistere sulle richieste di flessibilit di bilancio, anche attraverso formule innovative. Non un ottuso egoismo. un modo per ribadire come ci prema rispettare le regole comuni poste da Bruxelles, ma al tempo stesso siamo impegnati a creare le condizioni per una ripresa economica.

Perch solo attraverso la crescita saremo in grado di garantire stabilit. Allo stesso modo pi che opportuno che l'Italia insista per il perfezionamento di una Unione economica e monetaria che includa anche un sistema europeo di garanzia sui depositi bancari.

Le sfide del 2016
ll 2016 l'anno delle grandi sfide per l'Europa. L'Europa ha davanti due alternative: o affonda nelle beghe dei gretti egoismi nazionali, oppure promuove un nuovo inizio, per un migliore futuro insieme.

Ecco che tranquillizzante sapere che dall'Italia sta venendo un contributo importante per ripartire insieme in Europa, per lavorare ad un'Europa pi forte, un'Europa multipolare, un'Europa che sia comunit e non tecnicismo, un'Europa capace di affrontare le grandi sfide con cui ci troviamo ad essere confrontati.

Laura Garavini, parlamentare del Pd, eletta nella Circoscrizione Europa.

Letto 295 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.