Domenica, 14 Febbraio 2016 16:28

Le nuove crepe della governance mondiale

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il moltiplicarsi di crepe politiche ed economiche sta evidenziando l’inadeguatezza degli strumenti esistenti di governance. La mancanza o il ritardo di risposte concertate approfondisce le fratture esistenti e rischia di crearne

di nuove, come sta avvenendo negli ultimi mesi di fronte alla guerra civile siriana o alla crisi migratoria in Europa. Mentre l’Italia appare in prima linea di fronte a queste sfide, Roma cerca di adattare la propria politica estera alle continue crisi dei contesti multilaterali che costituiscono il suo tradizionale ambito di riferimento.

A questi temi è dedicato il Rapporto ISPI 2016 Le nuove crepe della governance mondiale” – realizzato con il contributo della Fondazione Cariplo – che per il secondo anno prevede una pagella della politica estera italiana, stilata sulla base delle valutazioni di un expert panel di 130 esperti.
Il Rapporto sarà occasione di dibattito in 12 città italiane e, quest’anno, anche nelle principali capitali europee oltre New York.
 
Intervengono: Franco Bruni, Pier Ferdinando Casini, Andrea Goldstein e Davide Tabarelli.
 
 
 
Per partecipare all'incontro, che si terrà presso Nomisma (Sala Incontri - Palazzo Davia Bargellini - Bologna), è necessario registrarsi:
 
tel: 051 6483 111-179
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 


 
 
Letto 146 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.